Auto elettriche, le tendenze dal mondo.

Nel 2040 si prevedono 150 milioni di vetture elettriche in circolazione.

Mentre in Italia la mobilità elettrica sta faticando a muovere i primi passi, in giro per il mondo ci sono numeri che lasciano spazio all’ottimismo sul futuro di questo settore.

Nel 2016, in tutto il mondo, sono state vendute circa 518.000 auto elettriche, il 53% in più rispetto ai primi 3 trimestri del 2015. I numeri arrivano dall’E-Mobility Report, redatto dal Politecnico di Milano.

A far meglio, in Europa, sono Norvegia e Francia. La prima conta il maggior numero di auto elettriche in circolazione per numero di abitanti (17,27 ogni 1.000 abitanti), la seconda vanta un numero di colonnine di ricarica da record (31.160).

Bene anche i Paesi Bassi con 11.679 colonnine di ricarica installate su territorio nazionale e ben 92.928 auto elettriche (5,47 vetture a batteria ogni mille abitanti).

Ma numeri molto forti, arrivano dai Paesi asiatici.

“Il Governo di Pechino pensa all’introduzione di una quota di produzione di veicoli elettrici obbligatoria per le case automobilistiche che operano e vendono in Cina. In base ad alcune indiscrezioni, entro il 2020, il 12% delle automobili che ogni produttore immatricolerà in Cina dovrà essere elettrico. Questo significa che le auto elettriche immatricolate in Cina saranno 5 milioni.

Secondo le stesse stime, poi, in India ci saranno 40 milioni di auto elettriche nel 2030.

Tutto ciò avrà la conseguenza positiva di portare ad una notevole riduzione dei costi di produzione in pochi anni.

… e cosa succede in Italia?

Bassi, ma non bassissimi se confrontati con il resto d’Europa, i numeri dell’Italia

In Italia si contano circa 3mila colonnine elettriche e circa 7mila vetture elettriche in circolazione (0,12 vetture a zero emissioni dal tubo di scarico ogni mille abitanti): una quota davvero troppo piccola !

Fonte: Start Magazine

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.