LE REGOLE PER NON SBAGLIARE, I DIRITTI DA FAR VALERE,

I VANTAGGI DELLE “PIEGHEVOLI”.

FERMATE GLI ENTUSIASMI … purtroppo quella dell’immagine di copertina, non è la Metro di Napoli … Siamo  “un pò” lontani dal sogno di un vagone così organizzato e vaghiamo ancora nella nebbia che regna intorno al  tema della “bici in Metro” …  ma le regole ci sono e sono semplici.

Guardiamole insieme.

Il Regolamento ANM (Azienda Napoletana Mobilità) sul trasporto di cose e persone, dedica un apposito articolo (il numero 16) al trasporto delle Biciclette.

Intanto, diciamo subito, che è consentito trasportare biciclette, in metrò e funicolari, gratuitamente. 

Ci sono , però delle limitazioni di orario sulle diverse linee:

  • Il trasporto con bici al seguito è consentito tutti i giorni su Linea 6 (la linea Fuorigrotta – Mergellina) e sulle Funicolari, senza limitazioni di orari;
  • sulla Linea 1 (la Metro Collinare) il trasporto di bici è consentito dalle ore 6.00 alle 7.00 e dalle ore 20.00 fino a fine servizio, nei giorni feriali dal Lunedì al Venerdì, ed in tutta la fascia di apertura giornaliera, nelle giornate di Sabato e nei giorni festivi.

Detto questo, però, vediamo quali sono le altre limitazioni e le prescrizioni:

  • Durante il percorso all’interno delle stazioni la bici deve essere spinta a mano;
  • è vietato in modo tassativo l’uso delle scale mobili, dei tapis roulant, dei montascale.
  • Sulle Funicolari l’uso degli ascensori è vietato.

Il personale di Stazione, in caso di eccessivo affollamento, per motivi di sicurezza, può temporaneamente limitare l’accesso di biciclette o richiedere di attendere di salire su un convoglio successivo.

Esistono, infatti, dei limiti di bici trasportabili per ogni convoglio, a seconda della linea. Ecco i dettagli:

  • sulle Funicolari Centrale, Chiaia e Montesanto, si possono trasportare massimo 3 bici per ogni convoglio;
  • sulla Funicolare di Mergellina il massimo è stabilito in 2 unità per convoglio;
  • per tutte le Metropolitane, invece, è possibile trasportare una bicicletta ogni due vetture.

Durante la corsa, la bicicletta dovrà sostare negli spazi contrassegnati da un apposito pittogramma e non dovrà ostruire le porte di uscita dai treni; il cliente si fa altresì carico di garantire il blocco della bici in caso di brusca frenata e di abbandonare la bici a bordo in caso di evacuazione di emergenza. Eventuali danni alla vettura, a cose o a passeggeri saranno a carico del cliente.

LE AGEVOLAZIONI A FAVORE DELLE “PIEGHEVOLI” 

Al termine di questa bella panoramica vediamo, ora, ciò che vale per le bici pieghevoli:  le bici pieghevoli sono assimilate ad un qualsiasi bagaglio, purchè rientranti nelle misure 70x50x30 e purché non superino i 20 Kg. di peso.

Questo comporta che la bicicletta pieghevole, se opportunamente chiusa,

  • può essere sempre trasportata su tutti i convogli, senza alcuna limitazione di orario e di numero;
  • può andare in tutte le ascensori, comprese quelle delle funicolari.

 

 

scopri la E-Bit,

la “pieghevolissima” della WAYEL – solo 13 kg. !-

nel nostro Store al RIONE ALTRO

 

 

 

 

 

 

Buon viaggio !

Leggi tutto il Regolamento ANM 

http://www.anm.it/index.php?option=com_content&task=view&id=1342&Itemid=317

Le “Stazioni dell’Arte” della Metropolitana di Napoli

http://www.anm.it/index.php?option=com_content&task=view&id=1001&Itemid=176

Il Regolamento di TRENITALIA

http://www.trenitalia.com/tcom/Offerte-e-servizi/FAQ-Bici

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *