Dopo qualche settimana spesa tra anticipazioni di stampa e apparenti retro-front, dopo una giornata del 12 maggio in cui sembrava che tutto fosse saltato (un’ autorevole testata on-line del settore dava per cancellato l’articolo e subito si erano scatenate polemiche e contradditori), stasera c’è stata la conferenza stampa del presidente del Consiglio e … nessuna parola dell’ecobonus per le bici … PANICO !!! … poi pian piano, andando a riguardare con calma tutto l’imponente decreto, ecco venir fuori il fatidico articolo 205 che contiene un pacchetto di misure per la mobilità sostenibile.

Per i più impazienti anticipiamo che gli apsetti prettamente pratici dovranno essere definiti a breve, ma molto possiamo già dirlo ora.

Cosa prevede il Decreto per le bici ?

Innanzitutto c’è il tanto atteso “buono mobilità” per l’acquisto di bici e mezzi della micromobilità elettrica e sarà “retroattivo”, cioè valido anche per gli acquisti effettuati a partire dal 4 maggio 2020 (e fino al 31 dicembre 2020).

Viene confermato il valore massimo rimborsabile di 500 euro ma la percentuale che sarà coperta dal bonus è pari al 60 per cento della spesa.

I destinatari degli incentivi sono i residenti maggiorenni nei capoluoghi di Regione, nelle Città Metropolitane, nei capoluoghi di Provincia e nei Comuni con popolazione superiore a 50 mila abitanti: a questi soggetti viene riconosciuto un “buono mobilità” pari al 60 per cento – del valore massimo di 500 euro – della spesa sostenuta a partire dal 4 maggio e fino al 31 dicembre 2020 per acquistare biciclette (anche a pedalata assistita), nonché veicoli per la mobilità personale a propulsione prevalentemente elettrica oppure potrà essere erogato per l’utilizzo di servizi di mobilità condivisa a uso individuale esclusi quelli mediante autovetture (quindi sì bike sharing e scooter sharing, no car sharing, ndr). “Tale ‘buono mobilità’ può essere richiesto per una sola volta ed esclusivamente per una delle destinazioni d’uso previste”.

In sostanza il Decreto Rilancio prevede un bonus per l’acquisto delle biciclette, dalla bici classica, alla bici a pedalata assistita o al monopattino pagando solo il 40%, il resto ce lo mette lo Stato (fino a 500euro).

L’aspetto importante è che finalmente viene dato impulso ad un processo virtuoso di mobilità sostenibile, tassello fondamentale per la ripresa post covid.

Napolielettrica ti aspetta presso il suo store. Gli specialisti della mobilità elettrica ti aiuteranno a fare la scelta più adeguata alle tue esigenze e ai tuoi gusti.

Siamo a Napoli in via sementini 36/38. Rione Alto, Zona Ospedaliera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.